Come ho già raccontato in un post qualche tempo fa, il mio primo incontro con il Decluttering non è stato proprio facilissimo, una casa di 95 mq, box e cantina da liberare in poco tempo con l’ansia del tempo che scorre e tante emozioni da gestire. Per farcela chiaramente ho dovuto organizzare tutto al meglio e impormi una “disciplina” altrimenti non ce l’avrei mai fatta, infatti doveva essermi ben chiaro:

. da dove partire

. come organizzare questa impresa titanica

. prepararmi a gestire le mie emozioni

Ai tempi, parliamo del 2010, in Italia il Decluttering non era così conosciuto come ora, nessuno o quasi ne aveva mai sentito parlare, il libro di Marie Kondo non era ancora uscito, io stessa non mi ero documentata, né ero pronta ad applicarne i principi su di me. In più, un cosa di cui non avevo assolutamente tenuto conto è che, iniziare un percorso di pulizia, alleggerirsi dagli oggetti, eliminare quello che non usi più, fare spazio insomma, comporta che lo si voglia o no, implicazioni emotive. In parole povere, devi fare i conti con te stessa e quello che provi. Se avessi avuto la possibilità, se avessi saputo dell’esistenza di qualcuno che ne sapeva più di me, sicuramente mi sarei fatta aiutare, purtroppo a quel tempo questo argomento non era molto trattato, e così, che mi piacesse o no, l’ho affrontato da sola.

La prima cosa che ho fatto è stata riorganizzare le idee mettendole nero su bianco, ad esempio mi sono scritta le cose da fare, ho fatto un elenco di priorità,e per riuscire a gestire la mia emotività di grande aiuto è stato lo yoga e la meditazione, ho decisamente incrementato la mia pratica, e se non l’avessi fatto credo che sarei impazzita.

Questo processo è durato circa 3 mesi e alla fine del mio lavoro mi sono presa una mini vacanza in un hotel strafigo come ricompensa e per rilassarmi. Tutto questo per dirti che il metodo e l’organizzazione, anche nel Decluttering sono fondamentali, e che avere qualcuno con cui condividere e confrontarsi fa davvero la differenza.

Migliorare l’ambiente in cui si vive può essere una scelta forzata o può essere una scelta consapevole, è capitato anche a te girando per casa di sentire il bisogno di rendere i tuoi ambienti meno pesanti, di aver voglia di eliminare degli oggetti rendendo tutto più leggero e luminoso?

Ti è mai capitato di sentirti oppresso dagli oggetti che ti circondano? hai voglia di raccontarmi la tua storia nei commenti qui sotto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *