Se hai letto il mio post di domenica scarsa sul time management, avrai capito che per non andare fuori di testa con i due milioni di impegni che hai, devi assolutamente imparare ad organizzarti. Personalmente adoro le agende da sempre (in questo momento sto usando una Filofax e uno dei miei obiettivi da qui a settembre è una spedizione a Londra al Kikki-K shop), così mi viene molto facile mettermi ogni giorno a fare il punto della situazione con me stessa e vedere quante attività ci sono in programma. Per evitare di arrivare al weekend praticamente ko, non so se anche a te è capitato di passare la domenica stesa nel letto a riposare perché ero talmente stanca da non riuscire a fare altro) o peggio ancora di ammalarmi (ricordati che molto spesso il fisico risponde al super impegno o allo stress abbassando le difese immunitarie ed ammalandosi), ho capito che è importante sì onorare tutti gli impegni ma che altrettanto importante è avere del tempo per me per stare bene e far star bene le persone che mi sono intorno. Per evitare il burn-out ho deciso di inserire nella vita di tutti i giorni “la coccola”. Di cosa si tratta? Bhè, già il nome ti aiuta :-). “La coccola” è quel momento in cui decidi di gratificarti, nonostante le condizioni avverse. Se riprendi quell’allegato carino che ti ho regalato in uno dei primi post che trovi qui, troverai 21 spunti che ti potrebbero tornare utili per creare “la coccola” che puoi integrare con i tuoi momenti dedicati personalizzati. Se poi non hai troppa confidenza con il prenderti delle pause, il coccolarti, organizzare l’agenda, e vuoi approfondire l’argomento e rendere le tue giornate efficienti ma mantenere del tempo per te e i tuoi interessi possiamo sentirci o incontrarci e lavorare insieme in questa direzione.