Tutte noi Womainprogress abbiamo delle giornate molte intense, la sveglia, i bambini, l’ufficio, il fitness, la cura della persone che amiamo. In alcuni periodi la routine di per sé già intensa diventa ancora più incredibilmente complicata (spesso infatti penso che tutte le donne siano delle esperte strateghe per come riescono a sopperire al milione di cose che devono fare….) a questo punto diventa indispensabile organizzare bene le ore di attività.

Ecco allora 5 suggerimenti:

  1. Avere un’agenda – cartacea -. Facendo coaching ho notato che la maggior parte delle donne e ragazze che incontravo non possedeva un’agenda, non solo, ma nemmeno segnava le proprie attività, semplicemente le teneva a memoria, spesso dimenticandosi degli appuntamenti o delle scadenze.  Avere un’agenda, e sottolineo cartacea (per agenda si intendono anche i templare free download che si trovano in rete, se non si ha voglia di investire) è essenziale per il organizzare il tempo.
  2. Ritagliarsi del tempo, 30 minuti è il minimo, almeno una volta a settimana per fare il punto sulle delle attività (esempi: appuntamento dal dentista, quante volte e quando andrò in palestra, i pagamenti in scadenza etc. etc.), normalmente è una cosa che faccio la domenica sera, dopo cena, davanti ad una tazza di tisana fumante.
  3. TO DO LIST giornaliera. Questa attività va a braccetto con l’attività al punto n. 2 ma è più dettagliata e puntuale. Ogni mattina prima di cominciare il lavoro faccio il punto delle cose da fare obbligatoriamente durante il giorno e me le segno, sulla’agenda direttamente, e sul telefono sotto forma di reminder sonoro se penso che ad un certo punto del caos della giornata me ne dimenticherò (ad esempio comprare l’insalata fresca per la cena serale o passare dalla tintoria a ritirare le camice), davvero senza Siri sarei davvero persa ;-).
  4. Creare una routine, questo viene spontaneo se si seguono il punti precedenti :). Per per routine si intende scandenziare le ore della giornata a seconda dell’attività e a questo proposito  ci viene in aiuto la tecnica del pomodoro (io ad esempio la trovo ottima per i lavori domestici), se non la ricordate la potete rileggere in questo post.  In più, per chi lavora da casa o ha un’attività propria è perfetta per definire i pacchetti di attività, ed allora seconda delle esigenze, i “pomodori” assumono il numero di minuti che ci è più congeniale (30, 45, 1h. anziché 25 come classicamente vuole la tecnica).
  5. Definire in anticipo dei tempi dedicati ai social network e telefono, non essere sempre on line e in attività (a meno che tu non lo debba essere per lavoro). In questo modo si riesce ad essere più produttivi e non si è continuamente distratti da alert, messaggi, chat, squilli etc. etc.

Se questo articolo ti è piaciuto o vuoi approfondire l’argomento contattami pure, Time Management è un argomento tipico di un percorso di coaching!